'

Casa del Mercante

MANTOVA

La Casa del Mercante a Mantova è uno dei pochi esempi rimasti di architettura di passaggio dal Gotico al Rinascimento.

Fu fatta edificare dal mercante Boniforte da Concorezzo nel 1455, senza risparmio di mezzi.

I rilievi in cotto delle finestre, delle colonnine pensili, dei fregi architettonici erano infatti decorati a foglia d’oro, su fondo rosso, rinvenuti in tracce sulle decorazioni.

La facciata era intonacata con impasto di coccio pesto, stilato a finto mattone.

I lavori sono stati eseguiti negli anni 2000 – 2001, preceduti da uno studio sui materiali e da un cantiere pilota nel 1996.

Gli elementi in cotto sono stati consolidati, puliti e reintegrati, ove possibile (solo gli elementi seriali, poiché le cornici delle finestre al primo piano sono composte da pezzi unici, intagliati in argilla plastica, uno per uno, così come il fregio orizzontale sotto le stesse finestre).

L’intonaco è stato consolidato, tonalizzato, ma non è stata consentita (all’epoca), la reintegrazione.

Anche i pezzi di tortiglione in marmo, al di sotto del portico, sono stati reintegrati plasticamente.

Risposte